Collazzone

Collazzone si trova al centro del territorio comunale, situato su una collina di circa 470 metri di altitudine, facilmente raggiungibile per chi viene da Perugia o da Terni (10 minuti di automobile >>>

Collepepe

Collepepe è il centro più popolato del Comune di Collazzone, con circa duemila abitanti. Attraversato dalla superstrada (uscita Marsciano), è facilmente raggiungibile anche da Foligno o Spoleto, attraverso la strada del puglia >>>

Gualdo Cattaneo

Gualdo Cattaneo, “castello arroccato sulle propaggini dei Monti Martani, tra i torrenti Puglia e Attone” si trova tra la valle umbra (quella che va da Foligno a Spoleto) e la valle tiberina >>>

 

Trekking Tour

Testata-titolo-trekkingCollazzone, Gualdo Cattaneo e Giano dell’Umbria ci regalano diverse opportunità. Le colline, i monti, gli ulivi, i boschi offrono e celano molte sorprese. Raggiungere ruderi, antichi castelli, vecchi manieri e stupendi borghi ed attraversarli come una volta francescani o benedettini facevano giornalmente, ci consente di fare un passo indietro nel tempo.

Titolo-1Titolo-2
Titolo-3Titolo-4

Informazioni generali

Scarpe.
E’importante avere delle buone scarpe (con buoni spessori delle suole) in molti sentieri e sterrate il terreno è sassoso

Abbigliamento.
Portare nello zaino: maglione, impermeabile e giacca a vento.

Attrezzature e strumenti.
Anche se non indispensabili consigliamo l’uso di racchette da passeggiata bussola o GPS. Attenzione in alcune passeggiate è obbligatorio l’uso della pila per il passaggio in gallerie e grotte. E’ importante avere a portata di mano il cellulare per eventuali problemi.

Sole.
Spesso viene trascurato, ma nel periodo estivo consigliamo l’uso del cappello e di una crema protettiva per le spalle e la parte posteriore delle gambe.

Acqua.
Consigliamo di portare 1,5 -2 litri di acqua per persona. Lungo il percorso potrete trovare fonti da cui attingere acqua.

Cibo.
Suggeriamo il consumo limitato di alimenti contenenti zuccheri e carboidrati. È importante fare una buona colazione.

Sentieri.
I percorsi, in gran parte sono indicati da varie tipologie di segnaletica su tabelle, piante, pietre, muri di edifici, muretti a pietra, guardrail ecc. Possono essere più o meno recenti. Possono essere di differenti colori: bianco rossa segnaletica del CAI – giallo azzurra segnaletica percorso francescano via di Roma. Attenzione!!! Le segnalazioni presentano talvolta delle frecce che non sempre corrispondono alla direzione del nostro percorso, specie sul “Sentiero degli Ulivi” dove spesso le segnalazioni hanno il senso opposto rispetto alla nostra marcia. In alcune tappe per lunghi tratti la segnaletica è sprovvista. La difficoltà del paesaggio e la scarsa manutenzione delle vie talvolta possono crearci difficoltà, ma è importante camminare con accortezza e vedrete che all’arrivo godrete di una enorme soddisfazione… San Francesco, dopo tutto, camminava senza Segnavia!

Temporali.
Può accadere di imbattersi in temporali, è importante evitare di sostare in luoghi aperti, tenere acceso cellulare, stare vicino ad alberi isolati o utilizzare ombrelli. Sostare possibilmente in grotte, rifugi, ruderi coperti e boschi.

Ritmi.

I tempi da noi segnalati  sono puramente indicativi e non considerano le soste. Consigliamo di: camminare con calma e con i propri ritmi, partire presto la mattina, studiare il percorso il giorno precedente, avere informazioni meteorologiche della giornata.

Clima.
Le temperature e le piogge consentono di poter camminare nel territorio per un periodo annuale molto lungo: da marzo ad ottobre.

Animali.
Può capitare di incrociare animali di bosco (volpi, cinghiali ecc.) non abbiate paura e godetevene la bellezza. Un pochino di attenzione solo verso le vipere presenti nel territorio.

Personalizzazione dei percorsi.
Tutte le tappe possono essere frazione basta chiedere informazioni alla struttura ricettiva.

Materiale informativo sul percorso. Assistenza. Transfer. 

Transfer bagagli.
Richiedetelo direttamente alla struttura ricettiva – info@cuoreverdeditalia.it

Share
Share